Questo articolo è dedicato ad un super-cibo che non dovrebbe mai mancare nella nostra cucina per i suoi incredibili benefici. Moltissimi di voi la conosceranno già, se ne sente parlare sempre più spesso in TV, sui social…

ma quanti di voi la usano quotidianamente?

Signore e signori, diamo un caloroso benvenuto alla nostra… curcuma!

LA REGINA DELLE SPEZIE

Il suo nome scientifico è Curcuma longa, appartiene alla Famiglia delle Zingiberaceae (così come lo zenzero e cardamomo) ed è una pianta originaria dell’India ma ormai la si può trovare in tutto il mondo.

benefici-e-proprietà-curcuma

Viene utilizzato solo il suo rizoma, ossia la radice, trasformato in modo da ottenere una polvere di un colore arancione acceso dal forte potere colorante. Nell’antichità veniva infatti utilizzato anche come colorante per i vestiti.

Ora andiamo a vedere 3 delle sue principali proprietà, motivo per cui è osannata sempre di più dalla scienza.

1. CURCUMA: MIGLIORA LA DIGESTIONE

La curcuma ha notevoli benefici sul nostro apparato digerente.

curcuma-e-digestione

Stimola l’appetito e favorisce digestione aumentando la secrezione gastrica, svolge un’azione protettiva sulle mucose gastriche (aumenta la quantità di mucina prodotta dalle mucose) proteggendoci da eventuali ulcere, accresce la secrezione degli enzimi pancreatici… e molto altro.

L’OMS (Organizzazione Mondiale della Sanità) riconosce ufficialmente che la curcuma esercita un’efficace azione su determinati disturbi digestivi come: colite, dispepsia (problemi di digestione), gastrite, diarrea, flatulenze, gonfiori e nausea.

Non facciamoci mai mancare quindi nel nostro piatto la nostra bella dose di curcuma!

2. CURCUMA: POTENTE ANTI-INFIAMMATORIO

La curcumina, il principio attivo della curcuma, possiede un effetto antinfiammatorio molto potente, cosa che la medicina ayurvedica conosce da millenni e che la scienza ha ormai dimostrato ampiamente.

Non esistono controindicazioni per l’apparato digerente (contrariamente a numerosi antinfiammatori classici) ed ha una azione pari a quella dei corticosteroidi senza i tipici effetti collaterali.

radice

Il suo campo d’applicazione è vastissimo.

La si può utilizzare per lenire le infiammazioni a livello articolare, digestivo, respiratorio, intestinale e cutaneo. Efficace in caso di infiammazione cronica (per esempio per artrite e granuloma) o acuta (tendiniti, infiammazioni edematose).

Può essere utilizzata anche per uso esterno.
Si può per esempio miscelare curcuma, succo di limone e pepe nero per alleviare i dolori articolari e muscolari, per alleviare il dolore e ridurre l’infiammazione.

Sportivo o non, abusa di questa portentosa spezia, non te ne pentirai!

3. CURCUMA: COMBATTE IL CANCRO

Questo è un tasto delicato ma un gran numero di ricerche è stato rivolto al potere che la curcuma avrebbe contro i tumori.

Nel 2008, il Journal of the National Cancer Insitute negli Stati Uniti pubblica un articolo sul modo in cui il curry e la curcuma possono contrastare il cancro.

curcuma-anti-cancro

L’autrice dell’articolo afferma chiaramente che centinaia di studi sui roditori hanno suggerito l’efficacia della curcumina contro il cancro. Spiega che, in laboratorio, la curcumina impedisce alle cellule di svilupparsi ed uccide un certo numero di cellule cancerose, in particolare quelle del colon, del seno, della prostata e dei melanomi.

Numerosi altri studi sono stati fatti ma una cosa certa sembra emergere, ossia il ruolo di primo piano che la curcuma potrebbe avere nella lotta al cancro, affiancandola ai consueti trattamenti della medicina moderna.

Senza voler arrivare agli estremi, la curcuma svolge quindi un’importantissima azione di prevenzione, assumila!

PICCOLO SEGRETO

pepe-nero

Ti confido un segreto… gli strabilianti poteri della curcuma possono essere moltiplicati enormemente se associati ad un altro nostro piccolo alleato…
Rullo di tamburi… diamo un altro caloroso benvenuto al nostro amico pepe nero!

Si è notato che la curcuma se assunta da sola, viene assorbita dal nostro intestino solo per un 50-60%. Se però la si associa al pepe nero, la piperina (sostanza contenuta in esso) può aumentarne l’assorbimento fino a 1000 volte!!

Basta una piccolissima quantità affinché la magia si compia.

Inoltre sarebbe meglio assumerla sempre con dell‘olio d’oliva nel piatto in quanto si è notato che l’assorbimento intestinale viene migliorato.

CONCLUDENDO…

Concludendo, ecco un elenco (non esaustivo) dei grandi benefici di questa eccezionale spezia:

  • facilita il processo digestivo
  • previene e cura l’infiammazione
  • previene e contrasta il cancro
  • mantiene l’equilibrio del transito intestinale e contribuisce a ripristinarlo
  • stimola il funzionamento del fegato e rigenera le cellule epatiche
  • previene le ulcere
  • riduce le flatulenze
  • previene e allieva artrite e reumatismi
  • previene l’arteriosclerosi e le patologie cardiovascolari
  • previene l’Alzheimer
  • conserva il colesterolo buono e riduce quello cattivo
  • allevia problemi cutanei quali acne, eczema, micosi, …
  • nell’uomo, previene le malattie legate alla prostata
  • protegge dai radicali liberi, tra i maggiori responsabili dell’invecchiamento cellulare
  • agevola la fluidificazione del sangue

Che dici? La conoscevi già? La utilizzi quotidianamente come me?
Fammelo sapere qui sotto nei commenti.

Noi ci rileggiamo col prossimo articolo!

Alessio

Lascia un commento...